Explore highlights
Bara di legno con i resti di uno scheletro

Wooden coffin, from Tarkhan, Egypt, around 3000 BC

 

Length: 91.200 cm
Width: 56.200 cm
Height: 48.500 cm

Gift of the British School of Archaeology in Egypt

EA 52888

Ancient Egypt and Sudan

    English | Español

    Bara di legno con i resti di uno scheletro

    Provenienza: Tarkhan, Egitto
    1° Dinastia, circa 3000 a.C.

    Una bara del periodo arcaico egiziano

    Nell’Egitto predinastico (prima del 3100 a.C.), la salma era posta direttamente nella sabbia, talvolta in una stuoia o un cesto. Con la temperatura elevata, e a contatto con la sabbia secca, il cadavere si essiccava naturalmente. A quest’epoca tale conservazione naturale del corpo veniva osservata e incorporata nelle credenze religiose sulla morte. Essa rimase una caratteristica delle pratiche e delle credenze funerarie per tutta la durata della storia egizia.

    Durante la Prima Dinastia (circa 31002890 a.C.), furono introdotte le bare in legno. Il presente esemplare è costruito con stecche di legno locale. Queste prime bare sono molto più corte dei quelle dei periodi successivi (per esempio la bara di Gua, anch’essa nel British Museum). Il corpo era adagiato nella bara in posizione rannicchiata, con le ginocchia tirate su al mento, la stessa posizione usata per le sepolture di epoca antecedente. Le bare a lunghezza piena, con il corpo disteso diritto, non apparvero fino all’epoca dell’Antico Regno (circa 2613 a.C.).

    Tuttavia, le bare di legno separavano le salme dagli effetti essiccanti della sabbia. I tessuti molli si decomponevano, lasciando solo lo scheletro. La conservazione artificiale, mediante il processo di mummificazione, fu introdotta nell’Antico Regno (circa 26132160 a.C.).

    Highlights

    Browse or search over 4,000 highlights from the Museum collection

    Shop Online

    Archaeological links with the Bible, £12.99

    Archaeological links with the Bible, £12.99