Explore highlights
Anfora (da vino) a figure nere firmata da  Exekias come vasaio ed a lui attribuita come decoratore

Wine jar, made in Athens about 540-530 BC

 

    English | Español

    Anfora (da vino) a figure nere firmata da Exekias come vasaio ed a lui attribuita come decoratore

    Greca, circa 540-530 a.C.
    Fabbricata ad Atene, Grecia; rinvenuta a Vulci (ora Lazio, Italia)

    Achille uccide la Regina Amazzone Pentesilea

    Pentesilea condusse le sue guerriere amazzoni ad aiutare i Troiani a difendere la loro città, ma fu uccisa in combattimento da Achille, il più forte dei guerrieri greci. La scena su questo vaso illustra Achille che sovrasta Pentesilea, che si accascia al suolo. Il viso di Achille è mascherato e protetto dall’elmo. L’elmo di Pentesilea è spinto indietro ad esporre i suoi lineamenti e mettere in risalto la sua vulnerabilità in questo cruciale momento. La sua lancia sfiora innocuamente il petto di Achille, mentre lui le trapassa la gola provocando uno spruzzo di sangue. Secondo una successiva versione della storia, in questo preciso momento gli occhi dei due guerrieri si incontrano e, troppo tardi, si innamorano.

    Sul lato opposto del vaso, Dioniso, dio del vino, è rappresentato con il figlio Oinopion.

    Il vaso reca la firma del vasaio Exekias, appena dietro il braccio destro di Achille. Anche la decorazione è a lui attribuita. La forma allungata ed arrotondata dell’anfora è esaltata dalle spirali che ne decorano i manici; le figure, l’ordito decorativo e la scritta sono tutte perfettamente realizzate. Exekias fu forse il più dotato di tutti i pittori ad usare  la tecnica delle figure nere.

    Highlights

    Browse or search over 4,000 highlights from the Museum collection

    Shop Online

    British Museum collections, £12.99

    British Museum collections, £12.99